Città metropolitana di Cagliari

Storia e funzioni dell’Ente

La Città metropolitana di Cagliari è un ente territoriale d’area vasta, è stata istituita con l’art. 17 della Legge Regionale 4 febbraio 2016, n. 2 “Riordino del sistema delle Autonomie Locali della Sardegna” e subentra dal 1° gennaio 2017 alla Provincia di Cagliari (Delibera della Giunta Regionale 25 ottobre 2016, n. 57/12).
Fanno parte della città metropolitana, oltre al Comune di Cagliari, i seguenti comuni: Assemini, Capoterra, Decimomannu, Elmas, Maracalagonis, Monserrato, Pula, Quartu Sant’Elena, Quartucciu, Sarroch, Selargius, Sestu, Settimo San Pietro, Sinnai, Uta, Villa San Pietro.
Sono organi della Città metropolitana di Cagliari: Il Sindaco Metropolitano, il Consiglio Metropolitano e la Conferenza Metropolitana.
Il Sindaco del Comune di Cagliari assume le funzioni di Sindaco Metropolitano.
Il Consiglio metropolitano dura in carica cinque anni. In caso di rinnovo del Consiglio del Comune capoluogo, si procede  a  nuove elezioni del Consiglio  metropolitano entro sessanta giorni dalla proclamazione del Sindaco del Comune capoluogo. (Legge 7 aprile 2014, n. 56 “Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle Unioni e fusioni di Comuni”, art. 1, comma 21).