Al via ‘Convenzione Ginevra’ digitale


(ANSA) – ROMA, 19 APR – Più di 30 aziende tech mondiali hanno aderito ad una sorta “Convenzione di Ginevra” digitale, impegnandosi a non prendere mai parte agli attacchi informatici contro individui o imprese. I firmatari del Cbersecurity tech accord comprendono Facebook, Microsoft, Arm e Trend Micro e provengono in gran parte dagli Stati Uniti e dall’Europa occidentale. Non includono invece le società dei paesi considerati tra i responsabili dell’escalation della cyber war come la Russia, la Corea del Nord e l’Iran. Altrettanto vistosa è l’assenza di Google, Apple e Amazon, non ci sono motivazioni ufficiali per questa scelta.
Nell’accordo – come riporta il Guardian – le aziende si impegnano ad agire ad agire in modo responsabile in quattro aree chiave: rafforzare le capacità difensive, rifiutarsi di fornire quelle offensive, aiutare aziende e utenti a difendersi e lavorare collettivamente per ridurre il potenziale di dannosi attacchi informatici.